PNRR PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA – parte prima

0
140

CERCHIAMO DI CAPIRE DI CHE COSA SI TRATTA E PERCHÉ È COSI IMPORTANTE

di ANTONIO SUERO – presidente Associazione AS FINANZA&CONSUMO

Gran parte degli investimenti del sistema economico e finanziario si reggerà sul Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ed è importante capire di cosa si tratta e quali sono gli ambiti di applicazione:

Il PNRR prevede un pacchetto di investimenti e riforme articolato in 6 missioni. Il Piano promuove un’ambiziosa agenda di riforme, e in particolare, le quattro principali riguardano:

  • PUBBLICA AMMINISTRAZIONE;
  • GIUSTIZIA;
  • SEMPLIFICAZIONE;
  • COMPETITIVITA’
  • DIGITALIZZAZIONE, INNOVAZIONE, COMPETITIVITÀ E CULTURA – 40,32 miliardi;
  • RIVOLUZIONE VERDE E TRANSIZIONE ECOLOGICA – 59,47 miliardi;
  • INFRASTRUTTURE PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE – 25,40 miliardi;
  • ISTRUZIONE E RICERCA – 30,88 miliardi;
  • INCLUSIONE E COESIONE – 19,81 miliardi;
  • SALUTE – 15,63 miliardi;

Rappresenta un’opportunità imperdibile di sviluppo, investimenti e riforme il cui scopo è quello di riprendere un percorso di crescita economica sostenibile e duraturo rimuovendo gli ostacoli che hanno bloccato la crescita italiana negli ultimi decenni. L’Italia è la prima beneficiaria in Europa dei due strumenti del piano NextGeneration UE: il Dispositivo per la Ripresa e Resilienza (RRF) e il Pacchetto di assistenza alla Ripresa per la Coesione e i Territori di Europa (REACT-EU).

Per le imprese che a diverso titolo parteciperanno ai progetti finanziati dal Piano, saranno inserite previsioni dirette a condizionare l’esecuzione dei progetti all’assunzione di giovani e donne, anche attraverso contratti di formazione o specializzazione. Nei bandi di gara criteri orientati verso gli obiettivi di parità saranno indicati come requisiti necessari e premiali dell’offerta.

Per l’Italia, il Piano rappresenta l’occasione per realizzare una piena transizione ecologica e digitale, ma anche per recuperare i divari occupazionali che penalizzano giovani, donne e Sud.

L’Italia nel 2021 è stata incoronata dall’Economist “il paese dell’anno”, questo a dimostrazione del fatto che possiamo, attraverso gli aiuti della comunità Europea creare una nuova prospettiva di crescita per i cittadini ed imprenditori.

Nei prossimi articoli entreremo più nello specifico cercando di focalizzarci sulle missioni.

dalla Redazione di ASFINANZA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui