Salone della Giustizia, no al “processo videogioco”. La parola a Gratteri

0
207

Una anticipazione del “Faccia a faccia” con Nicola Gratteri, procuratore capo della Repubblica a Catanzaro, che interverrà nel pomeriggio di oggi al Salone della Giustizia in corso a Roma.

Nicola Gratteri, procuratore capo della Repubblica a Catanzaro, risponderà nel pomeriggio alle velate accuse di voler fare un “videogioco del processo penale”. Gian Domenico Caiazza, presidente dell’Unione delle Camere penali, nel convegno di ieri ha dichiarato che l’Avvocatura opporrà una “resistenza durissima” a tutti i tentativi di “voler comprimere i diritti di imputati e difensori” e di “estendere oltre – con la scusa della pandemia – i protocolli adottati in alcuni processi penali”.

Nell’aula bunker di Rebibbia sono cominciate le fasi iniziali del maxi processo scaturito dalle indagini condotte da Gratteri contro 452 boss e gregari della ‘ndrangheta. Un dibattimento in cui sarà necessario ricorrere a interrogatori in video-conferenza e testimonianze da remoto. Il procuratore di Catanzaro sarà il protagonista, con la giornalista Anna La Rosa, di un “Faccia a faccia” in programma nella seconda giornata del Salone della Giustizia in svolgimento nel complesso monumentale dell’Acquario romano.

Vi ricordiamo che è possibile seguire la diretta in streaming dell’incontro sul canale del Salone della Giustizia 2020

Redazione AS Finanza&Consumo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui