Ottenuto il ristoro di 70.000 euro di indebiti, emergenti dal saldo degli estratti conto

0
94

Sentenza del Tribunale di Firenze, n. 2065/2020. 

Il cliente che intende ottenere la restituzione di somme illegittimamente percepite dalla banca, in conto corrente, e che contesti l’inesistenza di accordi in forma scritta relativi alle condizioni economiche del conto, non e’ onerato (in giudizio) dall’incombente della prova  dell’inesistenza del contratto.

Spetta alla banca dimostrare di avere rispettato la legge, specificando sul contratto redatto in forma scritta i tassi di interesse e le altre condizioni praticate.

AS Finanza&Consumo

Riproduzione riservata ©

Vedi anche https://www.asfinanza.com/violazione-della-trasparenza-bancaria-la-banca-sconta-220-000-euro-al-correntista/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui